Seguendo le orme del Nazareno: Gerardo Ferrara

Quando dall’Occidente pensiamo al Medio Oriente, l’immagine che ci viene alla mente è una grande regione del nostro pianeta devastata da vari conflitti a livello sociale, politico e culturale; intreccio di interessi e diatribe; un presente incerto e un futuro ancora più incerto.
Per conoscere più profondamente la situazione del Medio Oriente, “Seguendo le orme del Nazareno” ha intervistato Gerardo Ferrara, laureato in Scienze Politiche ed esperto del Medio Oriente, che ci permetterà di addentrarci nelle risultanze storiche e attuali di un Medio Oriente convulso, e in particolare nelle realtà della Siria, dell’Iraq, della Turchia e dell’Armenia. Rivelerà inoltre qual è l’esca seduttrice che ha fatto sì che persino giovani occidentali si siano uniti alle fazioni islamiche più violente, come lo Stato Islamico nella sua jihad.
“Seguendo le orme del Nazareno” ci offre l’opportunità di conoscere la realtà vissuta da molti nostri fratelli che difendono la loro fede in paesi a maggioranza mussulmana per rendere presenti in essi la luce dell’amore e della verità.

Seguendo le orme del Nazareno: Mons. Joseph Tobji

«Il martirio è qualcosa di attuale». Così si esprime Mons. Joseph Tobji, Arcivescovo Maronita di Aleppo (Siria), che nella sua giurisdizione ha anche le zone attualmente così colpite di Hassaké, Idlib, Deir ez-Zor e Raqqa. Mons. Tobji ci racconta la dura esperienza della guerra in Siria (quella passata e quella attuale). Sono anni nei quali non ha mai abbandonato il suo gregge, malgrado lo Stato Islamico avesse abbattuto la sua cattedrale e avesse sequestrato i suoi fedeli e i suoi sacerdoti. Vieni a conoscere lo stato attuale dei nostri fratelli in Siria e sentiti orgoglioso dei pastori che danno la vita per le loro pecore in «Seguendo le orme del Nazareno»!

Seguendo le orme del Nazareno: M.R.P. Pierbattista Pizzaballa

«Seguendo le orme del Nazareno» intervista Mons. Pierbattista Pizzaballa, Custode di Terra Santa per dodici anni ed attualmente Amministratore Apostolico – sede vacante – del Patriarcato Latino di Gerusalemme. Questo coraggioso ed esemplare pastore ci introduce nella bellezza e nel dolore della Terra Santa e dei Luoghi Santi; ci parla delle sfide che la comunità cattolica affronta nella terra di Gesù; ci invita ad innamorarci della presenza di Cristo nella terra che Lo vide nascere, morire e risorgere.

Seguendo le orme del Nazareno: Suor Barbara d’Osasco, OCSO

Qual è stata e qual è la realtà in cui vivono i nostri fratelli nella Repubblica Democratica del Congo? Suor Barbara D’Osasco (OCSO) ce lo racconta a “Sulle orme del Nazareno”. Questa monaca trappista di origine italiana vive nel monastero di Nostra Signora di Mvanda, nella diocesi di Kikwit, nella Repubblica Democratica del Congo. Suor Barbara e la sua comunità hanno sofferto e continuano a soffrire, in prima persona, tutta la violenza e l’incertezza che affliggono il popolo congolese, protetto solo dalla Chiesa Cattolica, l’unica voce che li difende, con coraggio ed onestà.

Seguendo le orme del Nazareno: D. Ubaldo Orlandelli

Quali sono i frutti del comunismo e come esso ha potuto segnare un intero popolo? Don Ubaldo Orlandelli, missionario per 16 anni in Russia, ci introduce alla storia della Russia comunista: i suoi inizi, l’orma profonda segnata dalla sfiducia e dal materialismo, infiltratisi nelle anime della gente di un intero Paese e le eroiche storie di cristiani che, grazie alla loro perseveranza nella fede in Cristo, riuscirono ad accendere la luce della carità e dell’umanità in Russia. Vivi la forza dell’anima perseguitata con “Seguendo le orme del Nazareno”.

Seguendo le orme del Nazareno: Maddalena Santoro

«Seguendo le orme del Nazareno» presenta un programma speciale: «In memoria di D. Andrea Santoro», sacerdote romano, assassinato in Turchia per odio contro la fede nel 2006.
Maddalena Santoro, ci descrive il percorso –umano e spirituale- compiuto dal fratello, che si assunse il rischio di morire per essere “Altro Cristo” in mezzo a un piccolo gregge. Spiega anche la difficile situazione dei discepoli di Cristo in un Paese assolutamente islamizzato come lo è la Turchia.